Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Dona ad I Care il tuo 5x1000! Non costa nulla!

Il codice dell’Associazione Culturale I Care è 01588580512

Il tuo contributo sosterrà l’avvio di una casa famiglia per minori ad Arezzo.
Segui il link per sapere come!

     

Ciak... Si Gira!

Il nostro centro per bambini è aperto ogni giorno dalle 15 alle 19!
Sostegno allo studio, giochi, laboratori, feste a tema!
Consulta la sezione "I Care per i bambini",
chiama il 339 2506265 o passa a trovarci per saperne di più!

E presto tante novità per il tuo tempo libero!!

Bambinando Animazioni

Consulta la sezione Bambinando Animazioni per conoscerci meglio!
Chiama il numero 366 5380544 per informazioni e preventivi!

 

Il nostro miele รจ biologico!

 ESCAPE='HTML'

Produzione 2015:

- Millefiori
- Castagno 
- Acacia
- Erica

 

***


Emily Dickinson ha scritto:
"Per fare un prato ci vogliono un trifoglio e un'ape,
un trifoglio e un'ape
e il sogno.
Se le api sono poche,
il sogno può bastare."

Un po' di storia...

L'idea di creare un'associazione di volontariato nasce attorno ad un semplice desiderio: quello di fare qualcosa per i giovani e magari assieme a loro dare vita a nuove opportunità e a qualche nuova struttura. Ci si rende conto che la città è carente di proposte educative, culturali e ricreative per questa fascia di popolazione e da più parti se ne richiede la realizzazione.
Alcuni operatori del C.S.A. (Centro di Solidarietà di Arezzo: una struttura che da oltre venti anni opera nell'ambito delle dipendenze e del disagio giovanile) raccolgono la sfida e cominciano a radunare attorno a loro gruppi di giovani con i quali pensare e realizzare il progetto.
Nasce così un primo Centro Giovanile che prende il nome di I Care, ispirandosi all'esperienza di don Milani che aveva scritto questo motto all'entrata della Scuola di Barbiana. I Care che significa: mi interessa, ho a cuore diventa un programma, una filosofia di vita ed un atteggiamento.
Il Centro Giovanile crea al suo interno un laboratorio di ricerca con il compito di materializzare e strutturare le idee in progetti. Nasce così l'Associazione di Volontariato che si formalizza nel giugno del '98, iscrivendosi all'Albo Regionale (decreto n. 56 del 05.07.'99, n. archivio 172) e di lì poi seguono una serie di iniziative culturali e ricreative in grado di coinvolgere qualche centinaio di giovani.
Si realizzano incontri formativi, corsi di vario genere, la sala della musica, una trasmissione televisiva e tutta una serie di piccoli e grandi eventi, interamente pensati e voluti dai ragazzi.
La filosofia di I Care da allora è rimasta quella di realizzarsi come una scatola vuota all'interno della quale i giovani possano esprimere i loro desideri, i loro obiettivi e le loro ambizioni. Una scatola vuota-si è notato nel tempo- dove gli interessi dei singoli si coniugano assieme agli altri e con loro trovano spazi e realizzazione. Ci si è accorti poi quanto queste dinamiche, fatte di coinvolgimento e di collaborazione, stavano diventando, tra l'altro, un intervento reale ed efficace di prevenzione alla devianza e di sostegno al disagio giovanile.
Una delle necessità  che già dai primi tempi si è resa manifesta all'interno del gruppo degli associati è stata quella di formarsi per essere in grado di fare qualcosa assieme, anche nel campo lavorativo. Così, quasi due anni dopo dalla nascita dell'associazione è nata I Care lavoro, un settore tutto nuovo che, strutturato come un laboratorio, ha cominciato a fornire occasioni di formazione, progettazione e costruzione di nuovi progetti. La partecipare e la condivisione hanno segnato una nuova via, attraverso la quale i giovani di I Care sono riusciti a creare nuove strutture educative e ricreative per i bambini e i giovani nel territorio cittadino e tutta una serie di servizi di sostegno modulati secondo le varie fasce di età  e i bisogni emergenti.

Una storia di amicizia, quella di I Care, all'interno della quale motivazione e creatività  continuano ad essere la migliore garanzia per il futuro, forse l'unica.